Giveaway del Portale Segreto

AVVISO: il blog al momento è in fase di rinnovo totale, quindi subirà dei rallentamenti!

Citazioni del giorno:

lunedì 13 febbraio 2017

Blogtour "Strider - La grande foresta" di Andrea Grassi. Presentazione, Intervista all'autore e Giveaway

Bentrovati Viandanti! Torno dall'oblio con un blogtour a cui tengo davvero molto! Ringrazio l'autore per aver gentilmente messo a disposizione una copia in regalo per voi e per la sua disponibilità a prestarsi a questo piccolo progetto. Spero che possa piacere anche a voi quanto è piaciuto a me! La mia recensione del libro potete trovarla QUI.

Strider – La Grande Foresta è il primo libro di una saga fantasy ricca d’azione e mistero, ambientata in un mondo originale. Il volume, disponibile su Amazon in versione cartacea ed e-book, vanta la preziosa collaborazione di Ivan Calcaterra, noto illustratore di Nathan Never che ha arricchito il libro di splendide illustrazioni. La copertina è resa unica dai colori del grande Giuseppe Di Dio.
Titolo: Strider - La grande Foresta
Autore:
Andrea Grassi
Editore: CreateSpace IPP (Amazon)
Pagine: 340
Prezzo: 8,22 € ebook:
0,99 €
Data di uscita: 24 giugno 2013
Trama:  Un tempo vi fu una guerra terribile, un conflitto tra gli uomini... e qualcos’altro.
La Storia è un susseguirsi d’invasioni e soprusi, ma nessuno era preparato ad affrontare ciò che uscì dalla nebbia che un giorno avvolse il Nord. Da quel momento qualcosa cambiò per sempre, nel mondo e nelle persone.
Ma, per due ragazzini di quello che potrebbe essere l’ultimo villaggio ancora esistente, la Nebbia Nera ed i guerrieri conosciuti come Strider sono solo vecchie storie…
Un giorno, durante una battuta di caccia un po’ avventata, Ian ed Elana incappano in qualcosa di eccezionale: un trovatello, svenuto nel peggior posto in cui si possano perdere i sensi.
Il ragazzo non ha alcuna memoria del proprio passato né del mondo che lo circonda, eppure da quel momento i loro destini saranno intrecciati, perché la Progenie non è solo un ricordo e la guerra… forse non è mai davvero finita. Tre amici saranno costretti ad intraprendere un viaggio che li cambierà radicalmente; un racconto di eroi, creature mostruose e cospirazioni.

L’autore: Andrea Grassi, classe 1981, è laureato all’Università Cattolica di Milano e lavora come Product Manager. Vive con sua moglie in un minuscolo paesello pieno di vecchini.


Da quando ho aperto il blog ho ricevuto tantissime mail di esordienti, tra queste rimasi piacevolmente colpita da quella ricevuta da Andrea Grassi che mi proponeva la lettura della sua "storiella" con un'umiltà e una gentilezza raramente incontrate nel mondo degli scrittori. Si vedeva che aveva letto con attenzione il mio blog per capire se il libro poteva essere di mio gusto e me l'ha presentato dettagliatamente senza imporsi e senza pretendere. Questo mi ha spinto a leggere i libri nonostante avessi molti impegni in quel periodo. Il risultato? Ho scoperto una saga che mi ha conquistata, una storia dal grande potenziale e che spicca tra i tanti libri autopubblicati in giro nel web. Oltre ad essere una persona gentile e disponibile Andrea si è dimostrato un autore capace e io credo molto in questa storia che spero di vedere al più presto pubblicata per una grande casa editrice. Ecco il motivo per cui sono felice di presentarvelo e regalarvene una copia!

Ciao Andrea! Benvenuto nel salotto letterario del Portale Segreto! Ti andrebbe di presentarti ai lettori del blog? Parlaci un po’ di te…
Grazie mille per l’invito! Sono dell’81 e lavoro come product manager, con un po’ d’esperienza anche nella supervisione di serie animate. Sono sposato da un annetto e vivo in un paesello davvero piccolo.
Mi piace scrivere (ma dai!) ed amo qualunque forma di narrazione, dai libri, ai fumetti, all’animazione ed i videogiochi, anche se non sono un critico granché affidabile: spesso mi basta un dettaglio che trovo affascinante per adorare qualcosa.
Mi piace anche moltissimo viaggiare, ci sono pochi posti al mondo in cui non andrei a vivere almeno per un po’. Non sono invece uno tanto da social, ma ci provo!

Adesso parliamo del tuo romanzo. Come è nata l’idea di scrivere “Strider”? Cosa ti ha spinto a scrivere?
Strider è nato principalmente a causa della mia mania di scarabocchiare personaggi e mostri.
Da sempre, ovunque… tipo che se conto tutte le volte che sono stato richiamato tra le elementari e l’università (mettiamoci anche un paio di riunioni di lavoro) non sono sicuro che negli anni a venire il mio nome venga pronunciato altrettante volte –e vorrei campare il giusto-.
Ma tant’è, non ne posso fare a meno. Il bisogno di disegnare e creare storie attorno alle mie rozze linee è stato il regalo della mia nonna quando ero bambino, e nessuno me l’ha mai potuto togliere.
Fra le storie che avevo abbozzato, un giorno ho deciso di dare forma a questa. Il motivo per cui ho scelto Strider è stata l’età dei protagonisti: mi sembrava più sincero raccontare di anni che personalmente avevo già vissuto. E poi… “Non ho mai più avuto amici come quelli che avevo a 12 anni. Gesù, ma chi li ha?”

Come sono nati i tuoi personaggi? Ti sei ispirato a persone reali?
Non credo di poter fare molti paragoni diretti ma di certo in ognuno di loro c’è qualcosa di persone che ho conosciuto, o di cui mi sono fatto un’idea del tutto personale ed arbitraria. Tanto per dirne una, Daron nella mia testa ha la faccia di Ed Harris!
Posso dire con certezza che scrivere dei protagonisti mi ha riportato un po’ indietro nel tempo.



So che hai avuto delle esperienze nel nord europa e da amante e studentessa del mondo nordico mi farebbe piacere sapere se questo ti è servito per creare certe atmosfere del libro.
Sì, il fatto di essere ospite in un altro Paese ha avuto le sue ripercussioni sulle atmosfere della storia, anche se in Strider ci sono più rimandi a piccole esperienze personali che riferimenti diretti ad una specifica cultura.
Ad esempio il cibo è fortemente ispirato alle megacolazioni maxipercaloriche che a volte preparavano i miei padroni di casa, invitandomi a far loro compagnia.

Hai sempre avuto la passione per la scrittura?
Bene o male ho sempre scritto raccontini o storie, ma prima di Strider non avevo mai pensato di provare a pubblicare qualcosa.
E anche quand’era finito ci ho pensato e ripensato: era abbastanza buono? Abbastanza onesto?
Alle medie scribacchiavo storielle che dovevano essere lunghe “un quaderno”: quello era il mio criterio qualitativo prima di farle leggere ai compagni.
Un parametro facile, chiaro, oggettivo. Nessuna costruzione, scrivevo a braccio e mi divertivo un sacco ad andare dove mi portavano i personaggi, gli avvenimenti, una scena particolarmente ispirata che volevo buttare nel calderone ad ogni costo. Ho deciso di provare a pubblicare Strider quando mi sono reso conto che mi ero divertito a scriverlo quanto quelle storie… solo, l’avevo fatto con un lavoro di preparazione alle spalle!

Adoro le illustrazioni del romanzo! (di cui parleremo in una prossima tappa del blogtour) È vero che oltre che scrittore ti diletti anche nel disegno? Come leghi le due passioni?
Le meravigliose illustrazioni che hai potuto ammirare sono opera del grande Ivan Calcaterra, un mito del fumetto italiano d’autore, illustratore per Bonelli di Nathan Never e presto della bellissima serie Dragonero… sono eccitato ed ancora incredulo per questa collaborazione!
Per quanto riguarda me… di base mi piace scarabocchiare ed è il modo in cui riesco a dare forma ai miei pensieri. Molto semplicemente, per scrivere ho bisogno di riempire di appunti e disegni di dubbia qualità quaderni, fogli di recupero e margini di fotocopie. I quaderni di Strider sono molti, disordinati e pieni di cartacce… ma mia moglie è paziente e prima di buttare via i fogli scritti male che trova sparsi in giro chiede sempre se mi servono ^____^’

Come ti sei sentito quando hai finito di scrivere il primo libro? E come ti senti all’idea di darlo in mano ai lettori?
In realtà ho scritto “La Grande Foresta” e “I marchiati di Minhran” insieme, e quando ho terminato li ho riletti. Poi li ho riletti ancora. Poi basta… no, non è vero, ancora.
Non mi sono sentito per niente sollevato quando ho scritto la parola “fine”, perché c’erano ancora moltissime cose che dovevo dire. La storia andava avanti, ma avevo deciso di fermarmi: volevo capire se era giusto che scrivessi e per capirlo avevo bisogno che altre persone leggessero la mia storia.
 Nella pubblicazione, un contributo molto importante è stato da parte della mia editor, Sara, che ha limato le sbavature del testo e dato a Strider un’impaginazione curata, mettendoci una passione davvero non indifferente.



Quali sono i tuoi libri, generi e autori preferiti?
A dispetto di quanto mi affascinino le suggestioni visive del fantasy, non sono un appassionato fruitore di letteratura di questo genere… in linea di massima (salvo importanti eccezioni) preferisco i romanzi d’avventura, di fantascienza e dell’orrore.
A proposito degli autori che preferisco leggere, ho gusti abbastanza comuni: Tolkien, Stephen King, Douglas Adams, Dan Simmons, Ammaniti, Terry Pratchett… 



“Strider - La grande foresta” è il primo libro di una serie (il secondo già pubblicato in attesa della seconda edizione), ci sono notizie sui prossimi libri? Sai già quanti saranno in totale? Puoi farci qualche anticipazione sulla trama o sulle pubblicazioni?
Il progetto è di cinque libri, la cui trama è già definita. Il terzo ed il quarto libro sono in lavorazione, porteranno il lettore in una nuova Città e i protagonisti ancora più vicino al prologo de “La Grande Foresta”.
Purtroppo devo ritagliare il tempo per scrivere tra mille cose, per cui non sono veloce… ma sono determinato. Non credo mi sarà possibile finire i due libri quest’anno, ma cercherò d’impegnarmi per concludere nel minore tempo possibile. Intanto, potrebbe esserci qualche sorpresa.



Ti ringrazio per avermi dedicato un po’ del tuo tempo con questa chiacchierata interessante, sono felice di aver avuto l’occasione di ospitarti sul Portale Segreto per fare quattro chiacchiere insieme!

Grazie a te, è stato un piacere! 



GIVEAWAY
Regole per partecipare al Giveaway e aggiudicarvi una copia cartacea di “Strider”:

Obbligatorie:
Compilare il form lasciando un indirizzo email valido a cui contattarvi in caso di vincita e commentare almeno due tappe del blogtour a vostra scelta.

Opzionali:
Per avere più possibilità di vincere potete a vostra scelta commentare tutte le tappe, diventare follower dei blog e delle loro pagine Facebook e pubblicizzare l’iniziativa sui social.

Il Giveaway scade il 26 febbraio 2017
Il vincitore sarà contattato tramite email entro il 1 marzo 2017

Prossime tappe:
 Mercoledì 15 - Never Say Book: ambientazione
Venerdì 17 - Gaiman in the tardis: personaggi
Martedì 21 - Ombre Angeliche: recensioni strider
Giovedì 23 - Libri di Cristallo: illustrazioni



giovedì 15 settembre 2016

Lunario Magico: Luna Piena dell'Uva - settembre 2016


Nome: Luna Piena dell'Uva
Giorno: venerdì 16 settembre 2016
Ora di plenilunio: 19:06
Impulso lunare: ascendente
Transito lunare: Pesci
Dimora lunare: XII
Transito solare: Vergine
Vuoto lunare: dalle ore 17:00 alle ore 21:00 di giovedì 18 agosto 2016.
Pianta del giorno: acacia.
Energie: trasformazione, riposo, cambiamento, ringraziamento, meditazione.
Rituali: successo, potere personale, realizzazione
Curiosità: Nell'antico Egitto oggi si festeggiava Thot, dio della Luna, a cui era dedicato il mese. Si consumavano fichi e miele in lode al dio.




La Luna dell'Uva ci conduce per mano nella stagione autunnale. L'Equinozio è vicino e l'Estate si sta concludendo, dunque questo plenilunio determina il passaggio stagionale, avvolgendoci con le sue potenti energie. E' tempo di trasformazione e di bilanci, siamo chiamati a riflettere e meditare su noi stessi con serenità, prestando attenzione alla saggezza e alle consapevolezze che abbiamo maturato in questi ultimi mesi. In questo periodo pensiamo alla ciclicità della vita, al cerchio che si sta chiudendo e a quello nuovo che presto si aprirà; ringraziamo per tutto quello che possediamo e che abbiamo ottenuto, per il cibo che la natura ha offerto sulle nostre tavole nei mesi estivi. Il plenilunio di questo mese ci chiede di rilassarci e di restare in silenzio, di meditare per accogliere il cambiamento imminente. Buttiamo via, sia materialmente che spiritualmente, le cose vecchie che ormai hanno fatto il loro tempo e che non servono più per dare spazio al nuovo e trovare nuovi equilibri.

Possiamo realizzare progetti che abbiamo già cominciato. Oggi potremmo sentirci agitati, avere disturbi del sonno, perché le idee che ci affollano la testa in questa fase lunare sono molte. Anche l'emotività è alle stelle, ma potremmo sentirci anche in perfetta armonia con l'ambiente che ci circonda.

Oggi si verificherà un'eclissi lunare, visibile anche dall'Italia: questo importante evento ci chiede di sviluppare amore per noi stessi, di non lasciare che la nostra felicità dipenda dagli altri, ma solo e unicamente da noi.

L'impulso lunare ascendente di questa Luna porta alla crescita: è tempo di raccolta, se abbiamo seminato bene, raccoglieremo i frutti del nostro lavoro. Nutriamo la nostra anima e puntiamo a rinforzarci caratterialmente e a conservare ciò che di noi amiamo e ci piace.

La Luna oggi transita nel segno dei Pesci. Potremmo sentirci deboli, incostanti, trascurati, ma anche passionali e disponibili al cambiamento. La fortuna, oggi, è mutevole, per cui prestiamo attenzione. Oggi sono particolarmente indicati i lavori a contatto con il pubblico, le attitudini poetiche e letterarie e potremmo sentirci attratti dall'acqua, dal mare e dall'intraprendere un viaggio. L'influsso di questa luna genera le idee per nuovi e numerosi progetti, dei quali, però, solo pochi saranno realizzati. Piedi e denti oggi sono particolarmente delicati, per cui prestate attenzione a non affaticarli e a non metterli  inutilmente "in pericolo". Le emozioni e l'intuito saranno molto sviluppati: possiamo sfruttare questo momento facendo rituali per accrescere le nostre facoltà psichiche, per consacrare talismani e aumentare la nostra fantasia. In questi giorni tè, caffè, sigarette e alcol hanno più effetto, stiamo attenti a non abusarne. Sono giorni non consigliati per le conserve, perché potrebbero andare a male.

Tra gli altri rituali indicati oggi ci sono quelli che riguardano le facoltà creative e artistiche, le intuizioni. I riti di guarigione sono diretti al sistema linfatico e ai piedi. Durante questa fase lunare è meglio non operarsi, poiché si tende alle emorragie. Il transito solare nella Vergine indica che possiamo operare sul denaro acquisito col lavoro, sulla prosperità in generale, la fertilità fisica, il matrimonio, sulla salute intesa come resistenza alle malattie, su aumenti di carriera, sulla protezione da individui sfruttatori e da situazioni di sudditanza psicologica date da eccessivo senso del dovere.




Fonti di riferimento per i dati raccolti:
- Il cerchio della luna
- Cammina nel Sole
- Astrologia Archetipica
- Cronache esoteriche
- Le porte della Luna, Devon Scott
- Almanacco magico, Devon Scott
- Incantesimi con la luna, Diane Ahlquist

giovedì 1 settembre 2016

Lunario Magico: Luna Nuova dei Canti - settembre 2016



Nome: Luna Nuova dei Canti
Giorno: giovedì 1 settembre 2016
Ora di novilunio: 11:04
Impulso lunare: discendente
Transito lunare: Vergine
Dimora lunare: XX
Transito solare: Vergine
Vuoto lunare: nessuno
Pianta del giorno: cedro.
Energie: meditazione, rivolte verso l'interno.
Rituali: sconsigliati.
Curiosità: oggi, nell'antica Roma, si festeggiava Giove patrono dei fulmini.
Nei paesi anglosassoni, chi oggi riceve una lettera d'amore non è per niente felice, perché sa che il rapporto affettivo è destinato a finire male.
Il 1° settembre 1999 morì Doreen Valiente, definita la madre della moderna stregoneria.



L'estate volge al termine e lascia il posto, man mano, a giornate più fresche. La malinconia delle giornate trascorse in compagnia, tra divertimenti e svaghi, inizia a farsi sentire. L'autunno con le sue energie di riposo e chiusura è alle porte e questo novilunio ci invita a prepararci al periodo che verrà. Un ciclo si è concluso e uno nuovo sta per cominciare, dobbiamo prenderne atto. Anche l'anno magico volge al termine, è un buon momento dunque per iniziare a purificarci, disintossicarci, per portare nella nostra caverna interiore e nella discesa invernale solo l'essenziale. La fase lunare attuale ci chiede di non agire e non fare rituali, ma di meditare su noi stessi, su quello che quest'anno ci ha donato e sul nostro bilancio personale. Prendiamoci del tempo per fare progetti sul nostro futuro, pensando alle novità che vorremmo portare nelle nostre vite con entusiasmo.

L'impulso lunare discendente ci dice che è tempo della semina e delle radici: seminiamo qualcosa di bello per il nostro futuro, gettiamo le basi per qualcosa che raccoglieremo in primavera e pensiamo alle nostre radici, a ciò che dà nutrimento alla nostra anima e al nostro spirito. Possiamo cominciare anche a pensare ai cari scomparsi, agli antenati, e a tutto ciò che ci hanno trasmesso, sia a livello genetico che intellettuale/personale. Onoriamo così quello che siamo: il frutto di chi è venuto prima di noi e il seme per quello che verrà dopo di noi.

Ci troviamo in una situazione astrologica molto particolare perché questa luna nuova cade in concomitanza con una Eclissi parziale di Sole e Mercurio ha cominciato ieri il suo moto retrogrado che durerà fino al 22 settembre.
 L'impulso retrogrado di Mercurio ci porta ad aprirci verso il passato per affrontare le esperienze che ci frenano o impediscono la nostra evoluzione personale preparandoci così al salto di cambiamento grazie all'Eclissi. Una Eclissi infatti segna un grande cambiamento nella propria vita e sotto l'influsso della Vergine potremo affrontarlo con la giusta lucidità e freddezza emotiva. Si chiude così un ciclo, è probabile che l'ultimo periodo sia stato molto difficile e magari abbiamo dovuto affrontare diverse sfide mentre adesso possiamo prendere in mano la responsabilità della nostra vita senza più essere in balia degli eventi o delle altre persone. Tutto sta cambiando e noi siamo in grado di affrontare questo processo di drastiche decisioni. Pensiamo lucidamente e cerchiamo di capire chi siamo e cosa vogliamo davvero, ma anche per capire cosa non vogliamo più essere e prendere le distanze da ciò che ormai non fa più parte della nostra vita. Lasciamo andare ciò che si è concluso. Facciamo chiarezza mentale e spazio nella nostra vita. Approfittiamo di questo momento astrologico per riflettere e concentrare le nostre energie sul nostro presente per costruire un nuovo futuro senza rifuggire. Meglio evitare di prendere adesso decisioni importanti, firmare contratti, fare acquisti compulsivi e attenzione alle parole perché possiamo rischiare di essere fraintesi.
Una nuova vita comincia e dobbiamo coglierla con serenità ed entusiasmo. Siamo noi, soli e consapevoli ma abbiamo la forza necessaria per affrontare il cambiamento che ci porterà a noi stessi e a realizzare i nostri intenti.

Oggi possiamo pensare anche a come migliorare la nostra condizione economica, a come ottenere serenità o come realizzarci nella carriera lavorativa.

Grazie al transito lunare in Vergine, la nostra concentrazione sarà più alta: possiamo sfruttarla a nostro favore per focalizzare la nostra attenzione sugli aspetti della nostra vita che più ci premono, oltre che per la meditazione, come già detto.




Fonti di riferimento per i dati raccolti:
- Il cerchio della luna
- Cronache esoteriche
- Le porte della Luna, Devon Scott
- Almanacco magico, Devon Scott
- Incantesimi con la luna, Diane Ahlquist

giovedì 18 agosto 2016

Lunario Magico: Luna Piena del Grano - agosto 2016



Nome: Luna Piena del Grano
Giorno: giovedì 18 agosto 2016
Ora di plenilunio: 11:28
Impulso lunare: ascendente
Transito lunare: Acquario
Dimora lunare: XXVI
Transito solare: Leone
Vuoto lunare: dalle ore 17:00 alle ore 21:00 di giovedì 18 agosto 2016.
Pianta del giorno: Grano e cipresso.
Energie: autostima, vitalità, salute, amicizia.
Rituali: amore, amicizia, passioni intellettuali, raccolto personale.




La Luna del Grano illumina i campi maturi, è tempo del raccolto e di mettere da parte con saggezza le provviste per l'inverno. Questo plenilunio ci invita a prendere esempio dal momento agricolo e naturale per iniziare a fare un bilancio di ciò che spiritualmente e personalmente abbiamo ricevuto quest'anno, ponendo lo sguardo verso l'inverno che sta per arrivare. Prepariamoci psicologicamente alla chiusura autunnale, alla fine di un ciclo e all'inizio di uno nuovo.

Il grano, a cui questa lunazione è dedicata, simboleggia ricchezza e abbondanza, che oggi abbiamo la possibilità di portare nelle nostre vite. Prendiamoci del tempo per liberare le nostre emozioni più profonde.

Anche l'impulso lunare di oggi ci suggerisce l'idea del raccolto: è tempo di nutrire la nostra anima e di rinforzarci, conservando il meglio di noi e ciò che ci rende quello che siamo.

Oggi potremmo essere più emotivi del solito, la Luna Piena inoltre porta con sè nuove e numerose idee, è possibile in questi giorni sentirsi in armonia nei confronti dell'ambiente e delle persone che abbiamo intorno, per cui sfruttiamo queste energie benefiche incanalandole verso qualcosa di positivo.

La Luna in Acquario è adatta ai rituali per l'amicizia, la libertà, le conoscenze scientifiche e per cambiare cattive abitudini. Si guariscono problemi del sangue e di polpacci e caviglie.

La dimora lunare di oggi è utile per attirare protezione su amore, amicizia e affari e per propiziare un matrimonio. Oggi, inoltre, possiamo operare per l'ambizione, la carriera, le finanze, la ricchezza, la  fortuna, la saggezza, la serenità, le relazioni sociali e gli onori. Il Sole transita in un segno di fuoco, per cui ci comunica che è il giorno giusto per occuparsi di ciò che ci appassiona sia a livello sentimentale che intellettuale. Oggi siamo audaci e coraggiosi e, se non lo siamo, possiamo occuparci di tutte quelle faccende che richiedono queste due caratteristiche, perché il transito solare ci aiuterà a trovare il coraggio e l'audacia necessarie dentro di noi. Possiamo inoltre operare per la salute intesa come forza vitale, per l'aumento di forza morale, l'autorevolezza, la protezione da individui dalla personalità dominante e da situazioni che impediscono una vita indipendente.




Fonti di riferimento per i dati raccolti:
- Il cerchio della luna
- Cronache esoteriche
- Le porte della Luna, Devon Scott
- Almanacco magico, Devon Scott
- Incantesimi con la luna, Diane Ahlquist

domenica 31 luglio 2016

Lunario magico: Luna Nuova della Gioia - agosto 2016



Nome: Luna Nuova della Gioia
Giorno: martedì 2 agosto 2016
Ora di novilunio: 22:46
Impulso lunare: discendente
Transito lunare: Leone
Dimora lunare: XII
Transito solare: Leone
Vuoto lunare: dalle ore 01:00 alle ore 05:00 di martedì 2 agosto 2016
Pianta del giorno: Issopo.
Energie: meditazione, riposo.
Rituali: è meglio evitarli in questa fase lunare.
Curiosità: il 2 agosto 1589 fu ucciso Enrico III di Francia, figlio di Caterina de' Medici e ultimo re della dinastia dei Valois. I suoi contemporanei lo dipingevano come uno stregone; era accusato di aver aperto una scuola di magia al Louvre e di aver ricevuto in dono Terragon, uno spirito familiare che lo aiutava nei suoi rituali e che gli aveva procurato un anello in cui rinchiudere la sua anima quando trattava con i demoni, in modo che non gliela portassero via.



Il novilunio di questo mese coincide con la prima festa del raccolto, Lammas o Lughnasad presso i Celti. Questi sono i giorni in cui le ore di luce diminuiscono visibilmente e la notte prende sempre più piede rispetto al giorno. 

Il nome di questa novilunio è bellissimo: Luna della Gioia. Oggi possiamo gioire, infatti, delle nostre fatiche, di ciò che nei mesi scorsi abbiamo seminato e di come abbiamo lavorato. Con questa Luna raccogliamo le ricchezze della terra sia in senso materiale che spirituale, facciamo il bilancio del nostro personale raccolto e approfittiamone per meditare e ringraziare su quanto ottenuto. Ricordiamoci, infatti, che con la Luna nuova sono sconsigliati i rituali: non si agisce, ma si riflette e si progettano nuove cose, è questa l'energia giusta per festeggiare questo momento, e oggi possiamo farlo con entusiasmo, accettando anche nuove sfide. Possiamo anche disintossicarci e purificarci profondamente.

Dato che la fase lunare corrente ha in sé la fine di un ciclo e l'inizio di un nuovo, con conseguente trasformazione, possiamo allinearci a queste energie unite a quelle di Lughnasadh, appunto: mangiamo del pane fatto in casa da noi, condividendolo con gli amici a noi più cari. Il grano che lo compone è simbolo di trasformazione e completamento e mangiarlo diviene un rito vero e proprio, se fatto in modo consapevole.

Per via del transito della Luna in Leone, oggi potremmo essere coraggiosi, impulsivi e passionali, potremmo avere fortuna nell'ascesa sociale, sentirci più poetici e provare attrazione verso tutto ciò che è lussuoso e sfarzoso (attenzione all'azzardo e alle speculazioni). Stiamo attenti, però, perché la Luna in questo segno zodiacale ci porta a essere imprudenti, più orgogliosi del normale, in modo immotivato e persino pericoloso. Le persone di basso rango sociale oggi potrebbero essere ostili e più intolleranti e le passioni forti potrebbero sfociare facilmente nella violenza. Potrebbero anche esserci problemi e complicanze nella sfera amorosa, soprattutto per quanto riguarda il rapporto di coppia e con i figli. La Luna in Leone porta facilmente piogge, soprattutto se calante, quindi nei prossimi giorni potrebbero verificarsi precipitazioni. Dal punto di vista fisico, questa Luna influisce sul cuore, la circolazione, la colonna vertebrale e il diaframma: potete dedicarvi alle cure e ai riti di guarigione che riguardano queste parti del corpo, perché saranno più efficaci. Sconsigliate sono invece le operazioni chirurgiche. La Luna in questo segno, infine, può essere utile per propiziare la gravidanza, in particolare se la madre ha molta paura dell'esperienza che sta affrontando.
Anche il Sole transita in Leone, a ribadire i concetti precedenti: possiamo riflettere sulla nostra passionalità, sia in amore che negli altri ambiti della nostra vita, e possiamo proteggerci da individui dalla personalità dominante o da situazioni che ci impediscono una vita indipendente.


Fonti di riferimento per i dati raccolti:
- Il cerchio della luna
- Cronache esoteriche
- Le porte della Luna, Devon Scott
- Almanacco magico, Devon Scott
- Incantesimi con la luna, Diane Ahlquist

lunedì 25 luglio 2016

Recensione: "Emancipated" di M.G. Reyes

Emancipated è il primo di una trilogia young adult destinato agli amanti di Pretty Little Liars e Gossip Girl, ma si rivela non avere molto in comune con queste due serie di successo.

Titolo: Emancipated
Autore: M.G. Reyes

Editore: HarperCollins
Pagine: 370
Prezzo: 16,00 €
Data di uscita: maggio 2016

voto:
Trama: Il bad boy, la brava ragazza, la diva, lo sportivo, la rocker, la nerd: sei ragazzi bellissimi e legalmente liberi dal controllo dei genitori per varie ragioni, ma con una cosa in comune: un segreto da nascondere.
Segreto nr. 1: non tutti sono ciò che sembrano
Ora vivono insieme in una casa a Venice Beach, si comportano come se appartenessero a una grande famiglia e vivono le proprie bugie. Uno ha assistito a un delitto, un altro potrebbe essere un assassino… e un terzo è lì per spiarli.
Segreto nr. 2: la libertà non è gratis
Mentre si aggrappano a un sogno di libertà e abbassano la guardia, il passato di soppiatto si avvicina. E quando uno di loro viene arrestato, la facciata accuratamente costruita degli altri si sgretola.
Segreto nr. 3: la verità prima o poi salta fuori.
Fino a che punto saranno disposti ad arrivare per nascondere il passato? E chi tradiranno per proteggere il proprio futuro?
Confesso che fino a quando non mi è arrivato per caso, non avevo idea dell’esistenza di questo libro. E quindi non era nei miei piani leggerlo. Tuttavia la trama mi aveva intrigato e la curiosità di leggerlo è stata subito forte per poi averne una enorme delusione. Questo libro in una parola? Noia.
Ma andiamo per ordine, perché l’idea aveva del potenziale, ma non c’è stato un solo aspetto di questo libro che mi abbia convinto. Tutto è stato buttato via ed è un peccato.
Partiamo dalla trama: sei ragazzi raggiungono l’emancipazione e si ritrovano a vivere insieme, ognuno di loro nasconde un segreto e le loro vicende si intrecciano in un ambiente di alta società che ha molto di losco. Ci si aspetterebbe una storia avvincente che tiene con il fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina, e invece nonostante il tentativo di inserire un paio di personaggi esterni che tramano alle spalle dei ragazzi, finisce per rivelarsi presto scontato, poco verosimile e lento.
La verità si intuisce abbastanza facilmente dopo poche pagine e non ci sono reali colpi di scena per cui la trama non decolla mai veramente.
Su tutto questo non aiuta lo stile dell’autrice che sembra scrivere una lista della spesa piuttosto che un romanzo. Ci viene anticipato che ci saranno sei punti di vista e ogni capitolo infatti riporta il nome del suo presunto narratore, cosa però che si rivela altamente inutile visto che c’è un solo punto di vista in realtà e il racconto è di un narratore esterno tra l’altro non onnisciente. Non capisco il motivo di inserire i nomi dei protagonisti ad ogni capitolo se comunque all’interno si narra di chiunque e non c’è una vera introspezione che giustifichi il pov indicato. Per non parlare dei dialoghi… rabbrividisco ancora a ripensare ad alcuni scambi di battute orrorifici. Sulle descrizioni lasciamo stare. Per non parlare di molti avvenimenti irrealistici e assurdi.
Una storia piatta sotto ogni punto di vista quindi, l’unica nota che poteva essere interessante sono le telefonate in codice di una certa Ariana che è in contatto con uno dei protagonisti (che già si intuisce ma comunque a metà libro viene rivelata l’identità e anche questo piccolo stratagemma cade in fretta).
In tutto questo ci sono i personaggi. Personaggi che rimangono trattati superficialmente e che non sono incisivi né interessanti nonostante i tentativi. Anzi, li ho trovati abbastanza vuoti e poco coerenti in molti punti. E questa incoerenza non sono riuscita a giustificarla nemmeno alla luce dei loro segreti. Ma andiamo ad analizzarli uno per uno.
C’è la dolce Grace che per hobby scrive ai detenuti con la pena di morte, che decide di ottenere l’emancipazione per seguire la sorellastra maggiore Candace aspirante attrice anche lei appena emancipata.
Poi c’è Paolo un bel ragazzo sportivo che si lamenta di avere tutte le ragazze ai suoi piedi, ma si rivela abbastanza tonto e infantile. L’emancipazione gli è stata imposta dai genitori.
John-Michael un omosessuale orfano con un brutto passato di strada che però è una persona dolcissima.
Lucy un’aspirante chitarrista punk cacciata dai genitori stanchi della sua ribellione.
Maya, la più piccola, una nerd che lavora ad una sua applicazione, molto timida e misteriosa.
Tra loro c’è una spia, un testimone di un delitto, un probabile assassino e una in cerca di verità.
Questi ragazzi si trovano insieme quasi per caso, eppure tra loro si scoprono dei collegamenti che non possono rivelarsi casuali sebbene appaiano così dalla trama.
Come vedete l’idea di fondo poteva esserci, ma nei fatti mi sono trovata a trascinarmi una storia molto breve per giorni senza voglia di proseguire nella lettura ed è una cosa che mi capita raramente.
Alcune scene sono davvero assurde e inverosimili, inserite nel tentativo di dare pepe al testo, finendo però per far sembrare i protagonisti degli idioti (e non solo loro). Stessa cosa ho trovato strano il comportamento ambiguo di alcuni protagonisti, si mostrano in un modo in altri momenti in un altro e non c’è una logica dietro a questo.
Speravo che i ragazzi fossero più folli, che la trama fosse più avvincente perché in fondo sei ragazzi emancipati potrebbero fare mille cose e invece no, si limitano ad andare a scuola con impegno e a subire le vicende che sembrano arrivare per caso. La trama non dipende da loro, ma tutto avviene senza il loro contributo e nei fatti non accade quasi niente.
Metà dei misteri e dei fatti particolari che succedono finiscono per rivelarsi un buco nell’acqua, inutili e senza scopo. L’altra metà viene capita facilmente, per non parlare dei ragazzi che senza avere tutti gli elementi che abbiamo noi lettori dal nulla all’improvviso deducono fin nei dettagli la verità su tutto (tranne la cosa più ovvia che non viene considerata) e mi chiedo come abbiano fatto.
Ma la cosa peggiore è il finale, un finale che non finisce perché si interrompe proprio nel punto in cui finalmente può avvenire qualcosa, tutte le carte sono in tavola ed è stato svelato ogni mistero (anche se in realtà probabilmente chiunque aveva già capito tutto). E l’ultima pagina si rivela un riassunto fatto da una persona che sta macchinando alle spalle dei ragazzi e che parla come un degno cattivo disney con un modo di fare che fa rabbrividire (e non di paura ma di incredulità). Non si sa cosa abbia in mente e soprattutto non sembra avere una ragione per quello che sta facendo, se all’inizio sembrava voler tenere una persona sotto controllo alla fine sembra quasi volersi divertire e voler fare del male a tutti i ragazzi che però nemmeno conosce. Insomma… non so a me non ha convinto una sola parola di questo testo. Tuttavia come lettura estiva poteva essere interessante, peccato.
COSIGLI DI LETTURA DEL PORTALE:
PER CHI: ha voglia di una storia estiva giovanile
COLORE: ocra
CLIMA E AMBIENTE: una giornata in spiaggia
Voi lo avete letto? Che ne pensate?

lunedì 18 luglio 2016

Lunario magico: Luna Piena delle Erbe - Luglio 2016

Nome: Luna Piena delle Erbe
Giorno: mercoledì 20 luglio 2016
Ora di novilunio: 00:56
Impulso lunare: Ascendente
Transito lunare: Acquario
Dimora lunare: XXIV
Transito solare: Cancro
Vuoto lunare: dalle 02:57 alle 07:10 di mercoledì 20 luglio
Pianta del giorno: zafferano.
Energie: preparazione, riuscita, successo, attività onirica, divinazione e meditazione sulle mete e sugli obiettivi, soprattutto quelli spirituali.
Rituali: desideri, realizzazione progetti, amicizia, libertà, conoscenza, abbandono cattive abitudini.


Con questo plenilunio inizia il tempo del raccolto, sia quello spirituale che personale. La natura è al suo culmine espansivo, gli alberi sono carichi di frutti e anche per noi arriva il momento del meritato riposo estivo, dopo le fatiche lavorative che ci hanno occupati per tutto l'anno.
Anche la Luna rispecchia questo clima, a cominciare dal suo impulso ascendente: è tempo di raccolta e di crescita, nutrimento e conservazione. Il nostro satellite transita nel segno dell'Acquario, per cui la terra si riposa e sono pertanto sconsigliate tutte le operazioni agricole. Riposiamoci seguendo il fluire delle energie della natura, che comincia a rallentare il suo lavoro. Il transito lunare di questo giorno può portare tristezza, ansia e malinconia, ma stimola l'originalità. Usate queste energie per rituali che accrescano le vostre conoscenze soprattutto in ambito esoterico/spirituale, ce lo consiglia anche il giorno di plenilunio. Il mercoledì, infatti, è il giorno da dedicare all'intelletto: si opera per la cultura, la comunicazione, l'arte, la scienza, le collaborazioni, la scrittura, la lettura e la spiritualità. Oggi possiamo infondere entusiasmo nei nostri progetti, complice anche la fase lunare, che rende tutto possibile e realizzabile. Tra gli altri rituali consigliati ci sono quelli sull'amicizia, la libertà, la conoscenza e l'abbandono di cattive abitudini.
Questo periodo è particolarmente propizio per le arti divinatorie di ogni genere, per cui potete prendervi del tempo per dare una sbirciata al vostro futuro.
In questi giorni stiamo attenti alla vista, alle gambe e alle articolazioni a esse connesse, preferendo il riposo all'azione se abbiamo problemi con queste parti del corpo.


Fonti di riferimento per i dati raccolti:
- http://www.astrologiarchetipica.it/i-transiti-planetari
- Il cerchio della luna
- Cronache esoteriche
- Le porte della Luna, Devon Scott
- Almanacco magico, Devon Scott
- Incantesimi con la luna, Diane Ahlquist

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...